E abbiamo riso tutti della foto del ragazzo che si allena in Yeezy Boosts

E abbiamo riso tutti della foto del ragazzo che si allena in Yeezy Boosts

E non è solo per lo yoga: Lululemon produce anche abbigliamento sportivo elegantemente smorzato per altre attività come il sollevamento pesi (grrr) e la corsa (meno grrr) che resiste all’abrasione e anti-puzza, oltre a casual abbigliamento per coprirti da e verso. Ed è preoccupato per l’evoluzione, egg suoi pantaloni sono come il modo in cui presenta la tecnologia ABC, check per « Anti Ball Crushing ».

lululemon.com

M stand per Manduka

Da non confondere con il manuka, che è una specie di miele, Manduka produce degli attrezzi da yoga piuttosto dolci. Accendi il nome del Mandukasana, o posa della rana, la marcia fu questa generatum nel 1997 quando l’ex architetto Peter Sterios, se si trasformò in yogi, saltò sul suo un tappetino nero piacevolmente semplice che era straordinariamente avvincente e solidale.

In effetti, l’offerta di lancio di Manduka era la sua: un tappetino solitario. Alla fine il suo inventario è esteso a blocchi, cinghie e alcune altre opzioni di tappetini, ma è stato solo l’anno scorso che Manduka è esteso all’abbigliamento con quello che chiama « l’appeal lifestyle dello streetwear ». Tradotto: niente di giorno l’impressione di essere si è trasformata in due settimane di namaste in un rito a Bali. E sebbene e tessuti includano cotone organico e canapa, con una forte attenzione tecnica, unendo materiale naturale con il meglio che la scienza tessile può offrire per il massimo comfort e movimento, sebbene sia il tappetino sul quale ti trovi.

manduka.com

Stand N per Nike

Hai bisogno di altre prove che l’athleisure è una cosa? L’anno scorso Forbes ha classificato il colosso dell’abbigliamento sportivo come l’etichetta di abbigliamento più preziosa al mondo, come sottolineato da un grande segno di spunta. Phil Knight iniziò ad importare scarpe da ginastica Onitsuka Tiger (ora parte di Asics) sulla costa occidentale degli Stati Uniti.

Quando i giapponesi hanno iniziato a pedalare per giocare con altri distributori, Knight ha deciso di i suoi calci. Era un combattuto tra due nomi – Falcon and Dimension X – e stava per mettere nero il suo obiettivo quando un impiegato ha chiamato: aveva sognato che il nome fosse quello della dea greca della vittoria. Combinando una tecnologia rivoluzionaria e un prestigio culturale di rivalità competitiva, il potent swoosh domina il campo come i suoi entrambi di alto profilo, ma i suoi ancora iconici sono nomi familiari a pieno titolo.

nike.com

O stand per voci all’aperto

Anche il fondatore di Outdoor Voices, Tyler Haney, odia il finish athleisure, ma e colpevole eats chiunque altro di verlo propagato, avendo deciso https://harmoniqhealth.com/it/dialine/ di creare abbigliamento sportivo che assomiglia a abbigliamento casual. Nel 2015 si vociferava la marcia con la silenziosa attrezzatura da allenamento, che reggeva il neon urlante con sfumature morbid di grigio e blu scuro, tessuti lucidi con opaco.

L’approvazione più squillante? APC – AKA il luogo in cui i francesi alla moda ottengono tutti i loro vestiti – ha collaborato con esso. Ironia della sorte dato il suo nome, strong la cosa migliore di Outdoor Voices è il suo tono, che è inclusivo e divertente, che mette l’accento sul « Doing Things all’aperto e lontano dall’auto-flagellazione in una prigione fitness senza finestre, o seduto sul divano a scorrere i post di #fitspo e odiarti. Perché l’abbigliamento sportivo dovrebbe essere adatto a tutti e tipi di attività, non solo lì ricerca incessante e risoluta di gainz. E giocare a frisbee è ancora esercizio.

outdoorvoices.com

Stand P per Puma

Due dei marchi di abbigliamento sportivo più grandi e storici del mondo sono nati da a rivalità tra fratelli. I fratelli Dassler fondano l’originale pappagallo realizzato a Herzogenaurach, in Germania, nel 1924 e indossano la quadrupla medaglia d’oro Jesse Owens per le Olimpiadi dal 1936 a Berlino. L’unica cosa che il suo cui relativo concorda in modo attendibile era non essere d’accordo e Rudolf aprì uno stabilimento rivale dall’altra parte del fiume; nel 1948 iscrive Puma.

Quando Rudolf ha litigato con la squadra calicò della Germania Ovest, cugina della Coppa del Mondo del 1954, Adidas ha ottenuto un’opportunità di marketing inestimabile e un vantaggio per allora non per la maggior parte. Ma Puma si sta riprendendo in grande stile, con l’ambasciatore Usain Bolt che ha vinto tutte le medaglie, Laurea avverso alle vocali WKND e il rapper Young Thug (nella foto) che rappresentano l’etichetta in diversi stadi e collaborazioni con i marchi di moda BAPE, McQ e Trapstar che generano campagna pubblicitaria. Il collegamento in palestra con Stampd è particolarmente interessante per i gatti.

puma.com

Q sta dalla qualità

Athleisure è un finale molto diffamato ma è anche molto abusato, spesso in modalità intercambiabile con « sport-lusso ». A rigor di termini, athleisure denota vestiti con cui ti eserciti, mentre lo sport-luxe è interpretazioni hot-off-the-passerella di capi di abbigliamento sportivo in tessuti preziosi che non sarebbe opportunoare (a terry with cappuccio in coccodrè di Hermès non athleisure : lusso sportivo.)

L’area grigio-marna è perché alcuni marchi di athleisure i loro prodotti così carini e / o cosi che saresti mortificato se a single goccia di sudore sfregasse il parrot tessuto – e perché alcuni persone sono soliti flettersi in palestra with a è abbigliamento from tutto troppo alla moda o costoso. La migliore illustrazione di queto sono quelle foto una sorprendente di Vladimir Putin che lo ritrae con una tuta ginnastica in fungo e cashmere per £ 2.000 di Loro Piana (nella foto; solo lavato a mano, con deodorante naturale). E abbiamo riso tutti della foto del ragazzo che si allena in Yeezy Boosts. È ancora esercizio, non una sfilata di moda.

R stand per Campione in carica

Drake, Justin Trudeau e il campione in carica: il Canada potrebbe ancora cambiare il suo inno nazionale in « Everything Is Awesome » da The Lego Movie. Fondata nel 2007 da Craig Atkinson, che ha ideato la marcia della moda Wings + Horns, Reigning Champ produce capi minimalisti atletici come magliette e felpe di tale qualità che sfidano il finisce « basic ».

L’attenzione quasi giapponese ai dettagli deriva dal tempo di Atkinson attraverso il Pacifico, dove l’abbigliamento maschile classico americano è praticamente una religione e lo rende buono come gli originali – e lo sussurrano, a volte meglio. Sempre più lo stesso vale per il Canada; Non c’è da stupirsi che marchi di abbigliamento sportivo di lunga data stiano affrontando la fila per collaborare: Adidas Athletics, ASICS e New Balance, per citarne solo tre. La versione in spugna della tuta Superstar di Adi è micidiale, ma strong il pezzo chiave è la vestaglia in jersey di cotone con Reigning Champ sul retro. Ideale per riposare sugli allori.

reigningchamp.com

Sono per Satisfy

Ti aspetteresti che un marchio di running di Paris is chic AF e Satisfy non illude. Il fondatore Brice Partouche, che gestiva il marchio di jeans soffuso di musica April77 e potrebbe il nome più cool di sempre, ha servito con l’ex sviluppatore di prodotti Nike Carly Beumel per assicurarsi che i suoi garm not if limited to parlare, ma camminassero sul cammino – o, piuttosto, ran anche tu.

Ma mentre Satisfy è pratico, non è affatto utilitaristico. Potresti quasi sfogliare la merce di un’etichetta di streetwear infuocata se non fosse per la presenza rivelatrice di canottiere e pantaloni succincti tra le magliette grafiche e le felpe con slogan come « scappa », « lasciali tutti dietro » e « run membro di cult » , il tutto in una combinazione di colori in modalità Hypebeast in nero, bianco, grigio, bordeaux e verde oliva. È solo un peccato che gli altri corridori non saranno in grado di apprezzare appieno il tuo malloppo di livello successivo da dietro.

soddisfacenti.com

Stand a T per Topman

Non rallentano mai esaticamente il segno, i rivenditori di fast fashion delle strade principali sono dappertutto l’athleisure mangia un potente muschio. Ma a differenza dei suoi concorrenti, Topman non segue solo lui le tendenze: definiscilo anche, con la sua collezione Topman Design direzionale che domina la sua sfilata durante la London Fashion Week. Per la primavera / estate 2017, una delle chiavi principali pezzi è stato il top della tuta con zip.

Anche è la versione in spugna gialla a tema balneare con stampe di palme è strong a po ‘troppo per l’arena, le versioni più sobrie sono entrano nella linea principale insieme a tutte le magliette e le felpe slim. E univocamente sulla via principale, Topman sta filando il trend correlativo del benessere, ospitando una sessione di riposo e recupero per clienti in redlining nella sua attività monomarca in Oxford Street a Londra. Di ‘cui potresti aver bisogno dopo aver fatto acquisti su entrembi i vasti piani di abbigliamento maschile.

topman.com

Stai per Under Armour

Under Armour ha realizzato il meno inventato il mercato degli strati base, e sicuramente l’ha messo all’angolo. Il fondatore Kevin Plank era un giocatore di football dell’Università del Maryland che ha deciso di migrare alla maglia del cotone intriso della felpa che indossava e ha avviato l’attività della cantina di sua nonna. Pregate che la sua attrezzatura di protezione protegga la « casa » del serial collector del Superbowl Tom Brady, e anche il fratello di scenario più retrosessuale se condannasse la sua agio a stringersi in un paio di collant.

La fessura nel carapace di Under Armour è che non vanta ancora le credenziali di stile di Nike, Adidas e altri, o uno stile di abbigliamento o scarpe da ginnastica che probabilmente si vedrà in strada come in palestra. (Plank ha recentemente fornito informazioni dettagliate sull’investitore in una telefonata: « Vado a tuffarmi per la moda ».) Ma con lo stilista Tim Coppens che supervisiona la nuova linea di abbigliamento sportivo « fashion » – ma senza parlare di una gamma di un concerto di Dwayne Johnson (nella foto) – questa build dà una base solida come uno spray.

underarmour.com

V stand per Victor Athletics

È stato Rocky bird a decidere di liberarlo dalla sua perdita a causa del fatto che il cugino si è unito ad Apollo Creed e avrà una marcia della moda, il cui risultato è simile a Victor Athletics. Lottando fuori dal suo monomarca a Cincinnati, Ohio, la capricciosa nuova arrivata di felpe vecchia scuola dal taglio contemporaneo. Non solo, è al 100% negligente da Stati Uniti, dalla coltivazione del cotone biologico privo di pesticidi alla lavorazione a maglia nella sua fabbrica partner in Tennessee e all’inchiostro nel lavatoio locale per ottenere quel look consumato dagli anni Settanta.

In lizza per rilanciare la produzione di abbigliamento americana – solo il 2% dei vestiti venduti negli Stati Uniti è prodotto internamente, in calo rispetto all’80% degli anni Ottanta – Victor sta fighting the good battaglia: il 5% dei suoi profitti torna all sue fabbriche per investire nella pappagallo forza lavoro. E poiché è diretto al consumatore, anche per te i prezzi sono più bassi. In breve, tutti sono vincitori.

victorathletics.com

W sta per ovest

Entra Kanye, ovviamente. Divido il parere (per i cronici, MH è un amante, non un hater) ma non se può negare la sua enorme influenza. E Ye ha fatto quanto chiunque altro per propagare l’athleisure ha attirato la sua etichetta Yeezy, che inizialmente era stata annusata dagli addetti ai lavori ma ancora venduta come torte calde a prezzi esorbitanti. Yeezy enfaticamente non è abbigliamento sportivo, soprattutto non a quei prezzi (a meno che tu non sia un rapper). Ma l’estetica è pure athleisure e Yeezy – che nasce come collaborazione con Adidas – ha sia riflesso che amplifica il trend.

« La persona indossan mostra solo pantaloni da yoga e felpe, e io creerò la versione più bella possibile », ha detto a Vanity Fair di aver mostrato la seconda stagione a New York nel 2015. Kanye essendo Kanye, ha addirittura suggestito che le felpe potrebbe essere dalla questione civica e storica, dal Colosseo o dalla piramide, ma dal futuro: « Le felpe sono fottuicamente importanti ».

X sta per, um, X

Come nel simbolo universale della collaborazione tra marchi o designer, che è dove il crossover tra sport e moda raggiunge spesso la sua apoteosi: X segna il punto in cui l’athleisure è più, beh, athleisure-y. Alcune collaborazioni degne di noot sono già state menzionate in queto A-Z: l’intera gamma di J Crew è eseguita in collaborazione con New Balance, mentre i primi passi di Yeezy sono stati with Adi (che fa ancora i calci).

Ma è quando l’alta moda incontra vertiginosamente l’abbigliamento sportivo precedentemente di base che il picco dell’athleisure è davvero già in alto. Ad esempio, Alexander Wang x HM nel 2014 (nella foto), che con i suoi tessuti tecnici e i prezzi di vendita risati avresti potuto esercitarti se non lo avesi elencato immediatamente BNWT loro eBay per multipli del prezzo consigliato. Oppure NikeLab x Riccardo Tisci, l’ex direttore creativo di Givenchy, il cui status è espressamente pensato per il beltpimento a lungo termine è seminato che dovrebbe essere riservato per posare maliziosamente il suo account Instagram di streetwear.

E questo per Y-3

Ma potrebbe anche – e hefty dovrebbe – essere per Yohji.